Wrap Up Luglio 2020

Luglio - il caldo, caldissimo luglio - ci sta salutando. Si è trattato di un mese, quantomeno per me, parecchio complesso e davvero pienissimo. In tal senso, le letture ne hanno lievemente risentito e sono state solamente tre. Ve ne parlo nel consueto #WrapUp mensile.
Continua a leggere

Wrap Up giugno 2020

Benvenuti lettori in questo nuovo #WrapUp! Siamo arrivati anche alla metà di questo anno bizzarro e imprevedibile... per fortuna che ci sono ancora delle certezze: i libri! A giugno ne ho letti sei... ve ne parlo di seguito. Buona lettura!
Continua a leggere

“Nella stanza chiusa”, di Frances Hodgson Burnett – la recensione

Nella stanza chiusa si è rivelata una breve lettura che mi è piaciuta; l'ho trovata, al contempo, malinconica e un po' creepy, rassegnata e vibrante. Un racconto che tratta un tema non lieto, ma che non lascia nel lettore una sensazione negativa o troppo triste. Sembra quasi che la Burnett voglia farci intendere di essere finalmente giunta - al termine della storia - a un'accettazione fatalista del Destino mortale dell'umanità e di essere riuscita, dopo quattordici anni, a scendere a patti con l'abbandono prematuro del suo piccolo Lionel.
Continua a leggere

“Un’insolita Mary”, di S. M. Klassen – la recensione

La protagonista di queste pagine è proprio Mary Bennet, la sorella meno contesa tra le donne del mio amato Orgoglio e Pregiudizio, capolavoro - ma c'è davvero bisogno di dirlo? - di Jane Austen. Quando ho letto di questa novità editoriale non ho potuto fare a meno di dimostrarmi più che incuriosito. Il personaggio di Mary Bennet, infatti, resta, a mio avviso, uno dei più interessanti presenti nel romanzo austeniano.
Continua a leggere

Wrap Up Aprile 2020

Buonasera lettori! Aprile 2020 è stato un mese caratterizzato – come tutti noi ben sappiamo e difficilmente dimenticheremo – dalla quarantena causata dalla pandemia da Covid19. La socialità è venuta a mancare del tutto e questo ha portato, almeno nel …
Continua a leggere

In Libreria: “L’ebreo Errante”, di Eugène Sue

L’ebreo errante, romanzo d’appendice (romanzo in feuilleton) francese opera di Eugène Sue, dopo anni di assenza dalle librerie italiane, torna sui nostri scaffali nell’edizione Rusconi tradotta da Rosa Anna Rita Costanzo – che sarà disponibile per l’acquisto a partire da venerdì …
Continua a leggere

#RagazziTraLePagine: “Tre vivi, tre morti”, di Ruska Jorjoliani – la recensione

Questo romanzo narra le vicende di personaggi collegati tra loro, ma - al contempo - separati a livello spazio-temporale. La narrazione all'interno del romanzo, infatti, si snoda tra gli anni Trenta e gli anni Cinquanta del Novecento e include le vicissitudini quotidiane ed emotive di personaggi che sono inseriti appieno nel contesto storico-culturale del loro tempo. Un tempo che non tiene conto dei consueti ritmi di vita, poiché si tratta di momenti storici scossi da enormi difficoltà e cambiamenti sociali.
Continua a leggere